Incentivi alla rottamazione: la proposta per il 2019

Le restrizioni in tema ambientale e la necessità di rilanciare il settore dell’automotive hanno portato alla ribalta gli incentivi alla rottamazione dei veicoli più datati, che l’esecutivo sta valutando di inserire nei provvedimenti previsti per il prossimo anno.

A questo proposito, è arrivata recentemente una proposta da parte del Centro Studi Promotor, che ha avanzato l’idea di un bonus statale di 2.000 euro, più uno sconto da parte dei concessionari di altri 2.000 euro a tutti gli automobilisti che nel 2019 compreranno una nuova quattroruote e contemporaneamente rottameranno un usato con più di 10 anni.

Il suggerimento del Centro Studi si ispira agli incentivi del 1997, che non procurarono costi aggiuntivi per lo Stato. L’aumento del gettito IVA e delle tasse di immatricolazioni sulle auto vendute in più coprì infatti il costo dell’erogazione del bonus e portò anche un maggior gettito per l’Erario di 723 milioni di euro. 


Fino a 10 mila euro di bonus per i mezzi commerciali

Al momento gli incentivi riguardano solo gli autocarri e sono stati stanziati da parte di alcuni governi locali della zona della Pianura Padana. In particolare l’Emilia-Romagna ha previsto un contributo compreso tra i 4 e 10 mila euro per ogni veicolo diesel dato in permuta appartenente alla categoria N1 o N2 che rispetta la normativa fino alla Euro 4. L’agevolazione, di cui abbiamo parlato nella news “Incentivi alla rottamazione: già partiti per gli autocarri diesel più datati”, prevede che i nuovi veicoli da acquistare dovranno essere ad alimentazione elettrica, oppure ibrida a benzina Euro 6 o metano/gpl Euro 6. In più, i concessionari aggiungeranno uno sconto al momento dell’immatricolazione non inferiore al 15%.

“Come avevamo annunciato”, commenta Paola Gazzolo assessore all’ambiente dell’Emilia-Romagna, “l’eco-bonus per i veicoli commerciali leggeri è pronto e finanziato con una dotazione di circa 4 milioni di euro e da domani le imprese potranno iniziare ad inviare le loro domande online. Si tratta di una misura importante che l’Emilia-Romagna per prima ha già sperimentato lo scorso anno e che ora è riproposta quale azione comune e condivisa da tutte le Regioni del Bacino Padano, anche grazie ai finanziamenti nazionali frutto dell’Accordo sulla qualità dell’aria siglato nel 2017 con il Ministero dell’Ambiente”.

Una nuova auto fa risparmiare sull’assicurazione

È importante ricordare ancora una volta che le assicurazioni garantiscono per una nuova auto tariffe più economiche rispetto a un mezzo più datato, considerato meno sicuro rispetto ai modelli più recenti. I nuovi veicoli si distinguono anche per dispositivi di sicurezza e di assistenza alla guida all’avanguardia, che limitano le lesioni dei passeggeri e aiutano il conducente ad accorgersi di eventuali pericoli.


1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti